185 Patrizia Di Dio News
24 luglio, 2015

La presidente di dio assegna le prime deleghe: “massima partecipazione delle competenze e collegialità”

Assegnate, oggi, dalla Presidente Patrizia Di Dio, le prime deleghe che perfezioneranno l’organizzazione del lavoro di squadra di Confcommercio Palermo.  Al Vicepresidente Nicola Farruggio, è andata la delega per le politiche di sviluppo e competitività del turismo; alla Vicepresidente Rosanna Montalto, la delega per le attività di difesa della libertà d’impresa; alla Vicepresidente Margherita Tomasello la delega per l’Internazionalizzazione e alla trasparenza e alla semplificazione amministrativa. La delega al Vicepresidente Antonello Di Liberto, assente perché all’estero, sarà assegnata nella prossima riunione. A Maurizio Cosentino, membro di Giunta, la delega all’urbanistica e mobilità. Gli ambiti delle prime deleghe sono prevalentemente connessi alle attività principali che hanno attinenza con il nostro mondo imprenditoriale. Inoltre la delega riguardo alla difesa della libertà di impresa ha certamente un significato ampio poiché contrasta tutte forme di illegalità e malaffare che impediscono una sana crescita delle imprese e, quindi, della nostra economia. Per quanto riguarda la delega alla semplificazione punterà non soltanto a contrastare la burocrazia asfissiante e omissiva di atti d’ufficio, ma soprattutto a sostenere anche una cultura “friendly business” per incentivare un concetto di burocrazia “amica” che intenda lo svolgimento delle proprie funzioni a servizio del cittadino e delle imprese. Le imprese in particolar modo rappresentano la ricchezza del territorio e danno lavoro pertanto vanno agevolate, anche se nel pieno rispetto di tutte le norme. Vorremmo riproporre un modello virtuoso di dirigenti, funzionari e impiegati della Pubblica Amministrazione che, partendo dal dovere di “servizio” a cui sono chiamati e per il quale sono pagati, aggiungano anche un senso di responsabilità, solerzia e impegno. Successivamente saranno assegnate altre deleghe che, come ha più volte ribadito la Presidente Di Dio, “coinvolgeranno non solo i componenti di Giunta, ma anche del Consiglio, perché l’obiettivo è la massima partecipazione delle competenze presenti in Confcommercio Palermo”. “Punto molto sulla partecipazione e sulla condivisione dell’impegno, dei progetti comuni – ha sottolineato la presidente Di Dio -. Il che significa, in sostanza, puntare sul lavoro di squadra, da mettere in gioco, da mettere al centro, ma non per un esercizio vacuo di democrazia ma perché consente di raggiungere risultati che altrimenti sarebbero irraggiungibili per i singoli. Quindi per un fatto di forza oltre che di partecipazione, pluralismo e collegialità”. “Il lavoro di squadra è il carburante che permette a persone comuni di ottenere risultati non comuni – aggiunge la Di Dio – e un proverbio dice che se le formiche si mettono d’accordo, possono spostare un elefante! C’è bisogno di fare tanto per dare sostegno alle imprese e per rilanciare la nostra economia. Per vincere una sfida così difficile in un momento di crisi globale, perché investe purtroppo anche i valori, avremo bisogno di tanto coraggio ma non basterà il nostro coraggio. Avremo bisogno di studiare tanto, ma non basterà il nostro studio. Avremo bisogno di libertà, ma non basterà la nostra libertà. Perché avremo bisogno anche e soprattutto di tutto il nostro entusiasmo. E noi lo avremo!”