205 Patrizia Di Dio Rassegna Stampa
5 novembre, 2015

Domattina alle 8.15 in Confcommercio incontro col vicesindaco Arcuri sulla situazione dei cantieri

 

«Abbiamo voluto raccogliere le istanze degli imprenditori a casa nostra perché Confcommercio ha deciso di farsi portavoce di questo grave disagio che vive l’imprenditoria cittadina a causa dei cantieri, abbiamo anche aperto un’apposita casella email lavoripubblici@confcommercio.pa.it dove è possibile inviare proposte e suggerimenti e segnalare ritardi o qualsiasi cosa riguardi l’esecuzione dei lavori». «A mio avviso i commercianti delle zone in questione sebbene la situazione che subiscono sia ai limiti del paradosso, hanno dimostrato, e continuano a dimostrare, grande senso civico e rispetto per quelli che sono lavori di pubblica utilità, malgrado ci sia anche il sospetto di gravi inadempienze, anche in ordine alla sicurezza pubblica, e pesanti ritardi sull’esecuzione dei lavori. E questo non può ledere e annullare il diritto di fare impresa». ANELLO FERROVIARIO. Questa mattina in Confcommercio insieme al vicesindaco Emilio Arcuri, al Project manager di Italferr, Donato Ludovici, al responsabile del progetto Nodo di Palermo di RFI, Filippo Palazzo e al Direttore dei Lavori Italferr, Francesco Zambonelli si è parlato di cantieri, criticità e possibili tutele per i commercianti. Da lunedì 9 novembre sarà istituito un tavolo tecnico per definire un cronoprogramma certo dei lavori e affrontare con urgenza un problema che sta mettendo in seria difficoltà il commercio palermitano e non solo. “Le imprese chiedono certezze – afferma Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo – per potere prendere le misure al problema. E proprio in vista dell’incontro di lunedì prossimo chiedo a tutti gli interessati di farci pervenire, all’email lavoripubblici@confcommercio.pa.it, suggerimenti e proposte per cercare di smorzare gli effetti negativi dei cantieri. Noi ci siamo fatti carico del problema che abbiamo il dovere di fronteggiare, crediamo che il dialogo e la collaborazione possano dare delle risposte”.

Approfondisci su confcommercio palermo

link 1

link 2