231 Vida Superadmin Articoli
15 ottobre, 2021

ZONA BIANCA: la ripartenza delle imprese ha bisogno del dialogo costante con chi governa

Zona Bianca. Il bianco è il colore archetipo della nuova vita. Ed è esattamente questa la stagione che stiamo vivendo noi imprenditrici ed imprenditori. Dopo la bufera pandemica, l’impresa prova a costruire la sua ripresa, riorganizzando i propri modelli di business in funzione dei mutamenti che questa crisi epocale richiede.

L’impresa è stata fermata, ma non si è fermata. Quando eravamo chiusi dalle ordinanze, noi imprenditori abbiamo continuato a lavorare.

Nella mia azienda di moda, abbiamo ideato e lanciato nuove collezioni, acquisito nuove importanti partnership, lanciato il nuovo sito online di commercializzazione, ampliato il ventaglio di strumenti per l’internazionalizzazione e la ricerca di nuovi mercati. Ed abbiamo soprattutto tenuto sempre attivo il filo con le nostre clienti, che sono il cuore pulsante della nostra attività.

Certo lo abbiamo dovuto fare con una buona dose di ottimismo e fiducia nelle vene per contrastare ciò che accadeva e che ci penalizzava non poco. Ma è proprio questa la cifra di chi fa impresa: intraprendere, con passione, coraggio e sguardo sul futuro.

Lo abbiamo fatto per le nostre famiglie, quella a casa, e per le nostre famiglie lavorative, i nostri lavoratori. Lo abbiamo fatto per le nostre clienti. Lo abbiamo fatto per noi. Perché per noi essere imprenditori è prima di tutto un valore, un credo che dà significato alle nostre vite.

La nostra ‘formula magica’ credo si possa condensare tutto in una semplice formula: 3R, Ripartire Ripensare e Re-immaginare.

Non è stato facile, e la strada è ancora in salita. Ma ogni ‘pacchetto’ che esce dai nostri negozi, ogni commento positivo alle nostre collezioni è per noi una ricarica di vita. E uno stimolo a non fermarci.

Ma c’è un’altra caratteristica del colore bianco, a cui tengo molto. Sommando in sè tutte le altre tonalità, il bianco esprime infatti la capacità di condivisione e partecipazione. Ed è questa capacità che richiediamo con forza alle Istituzioni. E’ un nostro diritto costituzionale, ma è soprattutto oggi una necessità se davvero vogliamo costruire le fondamenta per la ripresa del Paese. Ascoltare i protagonisti dell’economia reale. Costruire insieme le proposte per garantire la ripartenza dell’economia.

Noi imprenditori la nostra parte la stiamo facendo con grande impegno e responsabilità, altrettanto ci aspettiamo da chi ha responsabilità di governo.